18 novembre 2013

Autodosaggio

Essere: riguardo al "chi sono", mi vado bene, ma sul "come sono" non devo smettere di lavorarci. Si tratta, in poche parole, di aggiustare i dosaggi di epicureismo e stoicismo, o di convincersi che una migliore autodisciplina sia foriera di maggiore, o più duraturo, piacere futuro.

3 commenti:

  1. e se uno/a nasce irredimibile epicureo/a come si fa? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci si procura un'amaca per meditarci su.

      Elimina
  2. Si migliora sempre e con la volontà di farlo con il finecdi divenire ciò che appaga se stessi. E nn si tratta di volersi modifuflcare..ma ddi direzionare al meglio e focalizzare altro..semplice :)
    Stella*

    RispondiElimina

Grazie per aver letto le mie parole, sarò lieto di leggere le tue.



a cura di Giulio Pianese

scrivimi