05 novembre 2012

Il gusto del busto a busto

Dicono che Gardel non si balla, che sarebbe una specie di sacrilegio. A me pare un sacrilegio non farlo, ma son neofita, già sai. Neofita e inesperto, ma appassionato, e contento di sapere che mi abbiano visto "rapito nel vortice delle danze" e "con faccia beata". C'era in me, l'altro giorno allo Spazio A, l'incoscienza di godermela così come veniva. D'altro canto è un soffio, lo dice anche Volver che, vengo a sapere, è del 1935 (continua dunque la mia passione per le canzoni degli anni '30).

6 commenti:

  1. perchè la musica genera l'amore.
    Ma il vero amore lo si gusta nel silenzio delle melodie e nell'ascolto degli spasimi e respiri corti concitati ed assetati d'aria e stridenti ...la sana sensazione d'esserci e di attraversarsi all'apice, oltrepassando quel confine poco raggiungibile da molti...così, nell'ascolto dell'altro...perchè sono i corpi che cominicano e creano gli intrecci...mentre la mente divaga e gode dell'amplesso..completamente soggiogata dal corpo. Penso che questo non sia peccato..peccato non farlo..ma solo con chi puoi creare una simile connesione..altrimenti banale o maldestro o peggio passeggero...infatti la parte interessante è il percorso...si cresce nelle emozioni condivise.
    stasera è una di quelle sere che mi concedo di parlare di emozioni forti ....che bellezza c'è nello strafare senza simili emozioni?? rien!
    a me piace la musica..e i corpi la generano..e penso che sia una sola per ogni coppia...come l'energia generata.
    Stella*
    Stella*

    RispondiElimina
  2. ma anche peccato solo parlarne
    stella(sottovoce)*

    RispondiElimina
  3. rispondere a se stessi è davvero stupido...come chiamare chi sta dove c'è vento...pure..non si capisce nulla...ma chiedersi se stia male è assurdo...è fuori, al ghiaccio ed al vento...in antartude!!! vorresti poter dare calore anche solo a quella mano che tiene sul bracciolo e che lo carezza..poi batte e tamburella...mentre alla tv passano i titoli di coda, parlano di un clima pazzo che non sa decidersi se rimanere fermo e addirittura tornare indietro o andar incontro alla nuova stagione e il freddo però là in antartide impazza.
    buon pranzo...anche se in una tenda
    Stella*

    RispondiElimina
  4. A proposito di "beatitudine": gustoso farsi trasportare dal bel vals che ricordavo in versione francese! Spero ti faccia piacere ricevere questi link:

    Que Nadie Sepa Mi Sufrir - Alberto Castillo – YouTube

    Edith Piaf - La Foule (LIVE 1962!!!!) - YouTube

    Ciao. Seguidora Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Elena!
      ecco il primo, bellissimo, a portata di clic

      Elimina

Grazie per aver letto le mie parole, sarò lieto di leggere le tue.



a cura di Giulio Pianese

scrivimi